I robot avanzano anche in agricoltura


I robot stanno entrando nelle aziende agricole più velocemente di quanto chiunque abbia previsto poiché le prime attrezzature agricole completamente autonome stanno diventando commercialmente disponibili, il che significa che le macchine saranno in grado di svolgere completamente una moltitudine di compiti.

Gli agricoltori sperano che le macchine possano essere più precise ed efficienti degli esseri umani.

I trattori saranno guidati senza agricoltori nella cabina e attrezzature specializzate saranno in grado di irrorare, piantare, arare e coltivare terreni coltivati. E sta accadendo tutto molto prima che molti analisti avessero previsto grazie alle piccole start-up in Canada e Australia.

Mentre i leader del settore Deere e CNH Industrial non hanno detto quando rilasceranno offerte simili, Dot Technology di Saskatchewan ha già venduto alcune cosiddette piattaforme elettriche per impianti di semina primaverile completamente meccanizzati. In Australia, SwarmFarm Robotics sta noleggiando robot che uccidono erbe infestanti che possono anche svolgere compiti come falciare e dividere. Le aziende hanno affermato che le loro macchine sono più piccole e più intelligenti dei giganteschi macchinari che intendono sostituire.

Sam Bradford, un manager di Arcturus Downs nello stato del Queensland in Australia, è stato uno dei primi ad adottare il programma pilota per SwarmFarm l’anno scorso. Ha usato quattro robot, ciascuno delle dimensioni di un camion, per diserbare le erbacce.

Negli anni passati, Bradford aveva usato una macchina irroratrice larga 120 piedi e larga 16 piedi che “sembra una massiccia mantide religiosa”. Questa macchina avrebbe coperto il campo con sostanze chimiche, ha affermato.

Ma i robot erano più precisi. Hanno distinto il colore marrone opaco nel recinto della fattoria dal fogliame verde e hanno preso di mira sostanze chimiche direttamente sulle erbacce. È un compito che la fattoria svolge da due a tre volte l’anno su oltre 20.000 acri. Con i robot, Bradford ha affermato di poter risparmiare l’80% dei suoi costi dei prodotti chimici.

“I risparmi sui prodotti chimici sono enormi, ma ci sono anche risparmi per l’ambiente grazie all’utilizzo di meno prodotti chimici e alla fine si ottiene anche un risultato migliore”, ha dichiarato Bradford, che gestisce l’azienda da circa 10 anni. I fiumi circostanti si estendono verso la Grande Barriera Corallina al largo delle coste orientali dell’Australia, rendendo la fattoria particolarmente sensibile al suo uso di sostanze chimiche.

I risparmi sui costi sono diventati particolarmente cruciali in quanto un andamento pluriennale per i prezzi deprime i redditi agricoli e restringe i margini. L’indice Bloomberg Grains Spot è in calo di oltre il 50% dal suo picco nel 2012.

Nel frattempo, i progressi nella tecnologia delle sementi, dei fertilizzanti e di altri fattori di produzione hanno portato a rendimenti in crescita e ad un eccesso di offerta. I produttori sono ansiosi di trovare ogni vantaggio possibile in un momento in cui la guerra commerciale USA-Cina sta interrompendo il normale flusso di esportazioni agricole.

Gli agricoltori devono raggiungere il livello successivo di redditività ed efficienza nell’agricoltura e “noi abbiamo perso di vista che ingegneria non corrisponde all’agonomia”, ha dichiarato il CEO di SwarmFarm, Andrew Bate. “I robot lo capovolgono. Ciò che sta guidando l’adozione in agricoltura sono sistemi agricoli migliori e modi migliori per coltivare le colture.”

In Saskatchewan, i primi trattori autonomi venduti commercialmente prodotti da Dot stanno raggiungendo i campi questa primavera.

Quest’anno le unità Dot non saranno completamente da sole, gli agricoltori che hanno acquistato attrezzature come parte di una versione limitata sono tenuti a guardarle in ogni momento. Ma dopo questa prova, i produttori saranno in grado di far funzionare l’attrezzatura da solo a partire dal prossimo anno. Ciò aprirà molto tempo ai coltivatori che non avranno più bisogno di sedersi dietro il volante.

Gli agricoltori gestiscono sempre più attività, ha affermato Leah Olson-Friesen, CEO di Dot. “Quando guardi la quantità di intelligenza che si trova nella cabina, potrebbero essere al telefono a fare cose diverse o fuori dalla cabina, ci sono alcune reali opportunità lì.”

Ma gli agricoltori fanno molto di più che guidare quando sono nelle cabine dei loro trattori, ha affermato Alex Purdy, capo dei John Deere Labs e direttore della tecnologia per l’agricoltura di precisione. Deere non ha ancora rilasciato apparecchiature completamente autonome perché la tecnologia che è là fuori non è ancora abbastanza buona per sostituire le persone, ha detto.

Liberamente tratto e tradotto e per continuare a leggere l’articolo clicca qui.

L’automazione in agricoltura sta avanzando a passi da gigante, macchine sempre più specializzate e sempre più alla portata di tutte le tasche stanno rivoluzionando il modo di lavorare anche nei vivai. Dove fino ad ora serviva una squadra di operai ora con due o tre operai puoi fare lo stesso lavoro in minor tempo.

 

 

I robot avanzano anche in agricoltura ultima modifica: 2019-09-12T14:42:46+02:00 da pietro